Wanderlust

Progetto: Paolo Fresu Quintet con Erwin Vann
Etichetta: RCA/Victor-BMG
Anno: 1997

No isco itte mi suzzedit candho arrivo in Sardigna a serentina. Istraccu, calchi ia no isco mancu inue so e inue fia candho so ancora in altu e incominzan'a s'iere sas primas lughes de sa costera.
...Podimus esser'in tott'ue... mi naro, e meditendhe sos pensamentos sighin'a currere in s'altu 'e logos chi no sun de nisciunu ma de su coro o de sa notte prufundha.
Candho poi sos primos passos carignan sa terra su profumu 'e s'aera e de sos fiores m'ischidat e mi narat 'Benennidu! Arrividu a domo ses....
Mi peso tandho a nou comentÂ’e pro incantu e mi connosco intro cun sos ammentos chi mi giughen attesu a sa campagna e a sas pessones mias cun sos sonos chi connosco mezus de tottu, mezus de sa Musica chi fatto e chi mi giughet attesu.
So cuntentu tandho, ca cuntresto cun custa terra e l'isco solu eo, comente chi siat unu misteriu o unu pattu sizidu in tempus antigu.
'...Hap'a torrare a morrer'inoghe... ispero...' mi naro, e so già pensendhe a candho poto tuccare un'attera olta!

Non so cosa mi succede quando arrivo in questi luoghi di sera.
Così stanco, qualche volta non so neanche dove sono e dove ero quando sono ancora in alto e si intravedono le prime luci della costa... Possiamo essere ovunque... mi dico, e meditando i pensieri seguono la loro corsa verso l'alto dei luoghi che non appartengono a nessuno ma sono del cuore e della notte profonda.
Quando poi i miei passi accarezzano la terra il profumo dell'aria e dei fiori mi sveglia e mi sussurra 'Benvenuto! Sei arrivato a casa...'
Mi ergo allora come nuovo per incanto e mi riconosco dentro con i ricordi che mi portano lontano, alla mia campagna e a miei cari, con suoni che conosco più di ogni altra cosa, meglio della Musica che faccio e che mi porta lontano.
Allora sono contento, perchè parlo con questa terra e solo io so questo, come per un mistero o un patto segnato in tempo antico.
'...Ritornerò a morire qui... spero...' mi dico, e stò già pensando a quando potrò ripartire un'altra volta!

Paolo Fresu